vengono per aiutarci

they-come-in-the-name

Sonia e Giorgio hanno lasciato i loro commenti sul deprimente tema della qualità e quantità degli aiuti che le ONLUS/NGO riescono a dispensare ai beneficiari (vedi Tag ONLUS).
I commenti confermano la percezione diffusa, specie fra la gente comune dei paesi beneficiari (basta vedere i blogs da quei paesi sull’argomento) della scarsa efficacia (e incapacità progettuale) di molte organizzazioni dell’industria dell’assistenza e dei travet che vi lavorano. E’ un argomento su cui tornerò in un prossimo post anche perché i metodi e le pratiche seguite dall’ONLUS studiata sono, purtroppo, malpractices generalizzate, come stanno iniziando a dimostrare alcuni studi internazionali sulla qualità degli interventi delle ONG.
Per Sonia e Giorgio e per il loro conforto sottopongo la storia del ventiduenne studente, Peter Brock, che come tanti giovani che ho conosciuto, è partito entusiasta per un esperienza di volontario internazionale . E’ andato in Sierra Leone, il secondo paese più povero del mondo (secondo la classifica UN).
E’ tornato con qualche dubbio sulla capacità dei mediatori dell’assistenza (le NGO) a trasformare i fondi copiosi che ricevono da privati, aziende, governi dei paesi ricchi, into concrete improvements in the lives of the world’s poor, racconta nella descrizione del suo film\esperienza.
Peter (come il nostro commentatore Giorgio) non si è lasciato irretire dagli alti salari, dal poco lavoro e dalla mancanza di alternative che sostengono i travet della cooperazione internazionale e ha preferito raccontare la verità, dalla prospettiva della gente che vive nei paesi teoricamente aiutati.
Giustamente non si è fidato dei reports often written to please the donors who sponsored the project in question e ha scoperto che the opinions I heard differed substantially from the hopeful and often self-glorifying accounts given by NGO reports and UN documentaries
Vediamoci il suo film. https://vimeo.com/6200458

Annunci

Una risposta a “vengono per aiutarci

  1. periamo che la situazione cambi….resta l’irritazione per un’occidentalitá sfrontata a volgare. Possiamoguardare altrove e prendere esempio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...