Dal Nepal, per morire di freddo a Genova

Ricevo questa notizia da un amico genovese:

Il corpo del 45enne immigrato, dal  Nepal, è stato ritrovato questa mattina da altri clochard. Il cadavere era dietro un grande pilastro in una posizione più elevata rispetto ai portici del Teatro Carlo Felice, nel pieno centro di Genova. Un amico del clochard morto ha denunciato: “Alla vigilia di Natale sono venuti i netturbini dell’Amiu a buttarci via le coperte che ci aveva dato la Caritas”. “Ci corichiamo dietro la colonna uno addosso all’altro per ripararci dal freddo – ha aggiunto, invece, Felipe – i carabinieri chiamati da quelli del Carlo Felice ci hanno preso le coperte per farci andare via”.
Babu(così sono chiamati i bambini in Nepal), come tanti nepalesi, superava la disperazione con l’alcol; Babu   era stato scacciato dalla Parrocchia di Nervi (quartiere bene di Genova) dove lavorava come cuoco. Non so altro.
In città tutto è pronto per il concerto di Iovanotti e i cenoni di gala pagati dal Comune di Genova.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...