Nepal: paese ed economia in bilico

Ogni volta che c’è uno sciopero, specie se prolungato, i produttori di latte e vegetali sono fregati. Questi prodotti non possono raggiungere i mercati, essere lavorati e, dunque, agricoltori e allevatori perdono milioni di rupie. Dall’inizio del 2010 ce ne sono stati già tre, proclamati da diversi partiti.

Lo sciopero significa blocco totale delle circolazione, ricordo che durante i blocchi, il latte veniva buttato nelle strade e si formavano fiumi bianchi sulle carreggiate. Immagini pietose in un paese dove il reddito degli agricoltori e allevatori è di sopravvivenza. Se i prodotti alimentari non arrivano quelli che ci sono aumentano di prezzo. Se andiamo al mercato di Kalimati, deserto nei giorni di sciopero, vediamo l’aglio o le cipolle salite da Rs 36 per kg a 40. All’ingrosso i cavolfiori sono passati da 18 a 22 rupie al Kg. I pomodori da 18 a 22. Il prezzo dei cilindri di gas (riscaldamento e cucina) è passato da Rs. 900 a 1500 in due anni (quando si trova).

Scioperi e mancanza di governo dell’economia hanno fatto crescere l’inflazione (inflazione +16,4) e fatto diminuire il già debole potere d’acquisto della media dei nepalesi. L’attuale reddito procapite (USD 410) permette di comprare meno cibo rispetto al 2008 (quando era 380), secondo alcune stime è addirittura inferiore, in termine reali a quello del 1973. Fermi o falliti anche i progetti di riduzione della povertà: Likewise, the government’s priority programmes — education for all, health for all, safe drinking water and sanitation — have failed to meet people’s needs and expectations, spiega  Bharat Devkota del Center for Economic Development and Administration (CEDA). Paese allo stremo e gli attuali colloqui fra i partiti restano uno dei pochi segnali positivi. Anche perché altri grossi nuvoloni si stanno presentando sull’orizzonte economico.

Le rimesse dei migranti sono calate dell’11% nell’ultimo trimestre così come le esportazioni (-14%) e gli investimenti stranieri (FDI-Foreign Direct Investment). Si continua a comprare oro (come negli anni ’80) per rivenderlo in India ed è diventato (come valore) una delle voci più importanti fra l’import (+168% rispetto al 2008). La Banca Centrale combatte imponendo tasse sull’ acquisto, comprando rupie indiane per sostenere il cambio (passato da 95 a 106 rupie per un euro in due anni) e gettando liquidità in un sistema esausto. Nell’ultimo report sull’economia (di questi giorni) la Banca Centrale (NRB) segnala che Nepal´s two major export pillars — readymade garments and woolen carpet — recorded yet another decline of 25 percent and 38 percent respectively during the period.

Il turismo regge anche se non cresce rispetto al 2008 (+1,1), ma i maggiori aumentii sono cinesi (+51,4) e in genere asiatici (20% del totale), in tutto 378,120 turisti di cui 80.000 se ne sono andati in trekking (quasi tutti sull’Annapurna). La valuta pregiata esce e non entra, la bilancia dei pagamenti è in serio deficit, il sistema industriale (se così si può dire) non esporta, non è competitivo e non c’è liquidità per gli investimenti. Inflazione e stagnazione dell’economia sono i guai peggiori che possano capitare a un paese; i tassi d’interesse interbancari sono schizzati al 13,28%, livello mai raggiunto.

Crisi che ricade sulle famiglie che, negli ultimi anni, hanno iniziato a indebitarsi per acquistare auto, mobili, generi di consumi e case. La bolla speculativa nell’edilizia (i prezzi delle abitazioni e terreni aumentano del 100% all’anno in alcune aree) ha già fregato alcune banche e rischia di estendersi alla gente comune.

Chi ha i soldi (migranti ricchi) vende a Kathmandu per acquistare negli USA dove, incredibilmente, i prezzi sono più convenienti (oltre 500 richieste d’esportazione di valuta nel 2009). Il ritorno della democrazia e gli appetiti dei diversi partiti hanno rempito le aziende, i ministeri gli enti pubblici di raccomandati messi lì a distribuire prebende. Gli aiuti internazionali, come sempre, spariscono nel nulla. Dopo gli anni d’investimenti (90-95) il Nepal è precipitato nella classifica della World Bank ed è finito fra i paesi in cui è più difficile fare business.

Eppure, qui vicino , nel confinante Bihar indiano è partito un  “new miracle economy “ con una crescita dell’economia superiore all’ 11% (media indiana per il 2009 8,5%). Il Bihar era considerato fino a poco tempo fa uno degli stati indiani più sfigati: povero, corrotto e pieno di delinquenti (così erano considerati in India i bihari) . Ora sta uscendo dagli stati più arretrati, il gruppo del ‘BIMARU’ ( Bihar, Madhya Pradesh, Rajasthan e Uttar Pradesh), e sta facendo concorrenza a quelli più avanzati come il Gujarat. Secondo la World Bank è uno degli stati indiani “easiest place to start business”.

Tutta l’India comunque continua a tirare ed attrarre investimenti stranieri, malgrado la crisi, it was found that India achieved a growth of 85.1 per cent in foreign direct investment flows in 2008, the highest increase across all countries, scrive l’UNCTAD nel suo rapporto annuale.

Copiare gli incentivi alle imprese del Bihar, sfruttare il traino indiano sono opportunità per il Nepal se vuole aumentare il proprio PIL (crescita prevista nel 2010 un misero 5,5%) e ridurre povertà e squilibri. Senza soldi sarà difficile fronteggiare i rischi di penuria alimentare causati dalle poche piogge monsoniche del 2009 (inferiori del 60% alle necessità), acquistare riso e grano all’estero per coprire l’11% di mancati raccolti.

Annunci

8 risposte a “Nepal: paese ed economia in bilico

  1. Complimenti x la sintesi e la facicità di comprensione su ciò che scriVi. Inoltre i miei Complimenti ,per continuare a tenerci informati ,su una situazione ,quasi totalmente dimenticata da tutti i media occidentali. Ciao e ancora Grazie. tony sabino

  2. Ciao Tony
    grazie pe i complimenti, per me è un piacere scrivere di un posto che amo e sapere che qualcuno lo apprezza

  3. Ciao Enrico
    condivido in pieno i complimenti, non solo per la ricchezza di ogni tuo contributo, in cui affronti i diversi aspetti di una certa situazione, ma anche per la tempestività….è quasi come ricevere ogni giorno a casa un quotidiano indipendente, di qualità e persino gratuito! Proprio ieri avevo letto su my republica questo articolo sugli acquisti di case negli USA http://www.myrepublica.com/portal/index.php?action=news_details&news_id=13858 , tu mi hai aiutato a comprenderne il contesto!
    Un caro saluto e ancora buon lavoro!

  4. Eh no…peggio del Bihar no! La corruzione che ha caratterizzato per anni quella zona è inimmaginabile! Forza Nepal rialzati!
    Ma con 480 usd intendi il reddito mensile o annuale? conosco famiglia con redditi completamente differenti le une dalle altre….

  5. Eh si Sonya, USD 480 è il reddito pro-capite annuo, come sempre nelle statisticheci sarà chi mangia un pollo e chi sette. Comunque, una famiglia contadina, formata da 5 persone (media nazionale) se tutto va bene (buon raccolto, niente malattie o spese straordinarie) e senza integrazioni (famigliari migrati) non vede in un anno USD 2200, Vive di raccolti, vende un pò di frumento o riso, si compra il sale, cherosene, qualche attrezzo, i semi, un pò di libri pr i figli e poco altro. Si pensa che quest’anno per la scarsità del monsone, molte famiglie contadine avranno cibo a sufficienza per sei\sette mesi, poi tutti a lavorare nei campi d’altri, a fare mattoni a Bhakthapur o dagli usurai.

  6. La famiglia contadina che frequento io ne guadagna 1200 o 1500 in un anno, qundi siamo in una via di mezzo, ma c’è un figlio in Malesya che manda gli extra, una differenza ben da poco come ben sai

  7. oltre agli scioperi e la mancanza di governo, io aggiungerei anni e anni di mancati investimenti in infrastrutture: per farle, per mantenerle. Cosa che è successa con l’energia idroelettrica, l’unica risorsa naturale del paese, e le strade, i ponti ecc. Per la guerra, e anche per l’incuria.

    NB: in Nepal ci sono anche famiglie, specie a Kathmandu, che nascondono i redditi. Vivono da benestanti ma sono ricchi in modo sfrenato, per la media nazionale, pagano il college per i figli in USA e così via. Ma sono tutti terrorizzati che i maoisti o chi sia possa prendersi i soldi. Che tengono infatti in Svizzera e in USA, ben investiti.
    Ne conosco due di famiglie così ma ce ne sono tante, per esempio fra quelle della dinastia Rana.
    Questa fanno certamente aumentare la media statistica con i famosi 7 polli, o 10.

    enrica la trovate a http://orientalia4all.net/, il suo blog.

  8. Ciao Enrica, hai ragione
    adesso, come sempre, manca la corrente elettrica con tutte le conseguenze sulla produzione, comunicazione e inquinamento (generatori diesel). Otto ore al giorno destinate ad aumentare. Il Nepal riceve circa USD 900 milioni dai donatori internazionali per progetti, in teoria per sviluppare anche le infrastrutture. Abbiamo parlato in altri post dei mega progetti (finanziati dalla Banca Mondiale e altri) per i bacini idrici, dei ritardi, dei marmellamenti.
    Rana, Thapa, Shah, e altri sono le famiglie dominanti da secoli, con potere, conoscenze, terre, relazioni e tanti soldi. Poi, nell’ultimo ventennio, la nuova borghesia intrallazzata con i progetti internazionali o impegnata nel commercio con l’estero o nel turismo. Infine nell’ultimo decennio i venditori di manodopera, le agenzie di collocamento all’estero e i costruttori. Da sempre i politici, anche i mao, con i figli all’estero a studiare o nello stato a lucrare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...