Che botta, scossa di terremoto in Nepal

Erano le 18,30 quando tutto s’è mosso in due riprese per qualche decina di secondi. Sotto la pioggia, le gente impaurita non sapeva dove andare fra i palazzoni traballanti di Kathmandu. Qualcuno è corso verso i  templi per pregare che le scosse si fermassero senza aumentare. Danni, fortutamente pochi, l’epicentro era lontano un migliaio di chilometri fra le colline del corrugato Sikkim, peggio al confine nepalese orientale (Sankhuwasabha, Sunsrai, Dharan) dove un centinaio di case sono crollate 4 morti e una cinquantina i feriti. Più grave il bilancio nell’India orientale dove si contano una cinquantina di morti. Gantok, la capitale del Sikkim, arrampicata sulle colline è stato una delle aree più colpite.

A Kathmandu si contano 4 morti a causa del crollo dei un muraglione che cnge l’ambasciata inglese a Lainchour (l’ambasciata ha chiesto scusa….). Sfiga dannata per i poveri passanti. Fortunatamente i danni umani e materiali sono stati limitati, ogni anno, durante il monsone, muoiono un centinaio di persone fra frane, smottamenti e inondazioni. Ogni mese sulle strade distrutte dall’acqua, non curate dai governi muoiono decine di persone sui bus stracarichi e guidati da autisti ubriachi. Ma le scosse di Kathmandu, iperpopolata e costruita, rimettono nel pensiero degli abitanti i rischi di un terremoto più forte come già accadde nel passato.

Abbiamo già scritto su questo problema e su quanto poco è stato fatto per prevenirlo malgrado tutti ne parlino da decenni e milioni di euro siano stati spesi in dubbie attività di “prevenzione dei disastri”. Basta girare per Kathmandu vedere l’accumulo di case costruite con materiali scadenti che, paurosamente, sembrano perennemente traballanti. Nelle zone di nuova costruzione (anni 80, 90) quali quelle esterne a Ring Road , sono talmente vicine che non ci sono nemmeno strade per garantire vie d’uscita. Il centro è soffocante con palazzoni di mattoni che salgono, come piramidi rovesciate, verso il cielo.

Insomma, non è stato fatto niente, per dare alla città un minimo di senso urbanistico, tutto è stato costruito senza regole né controlli. Le responsabilità non sono solo dei nepalesi ma anche di noi occidentali che avremmo dovuto imporre, visto le nostre esperienze d’urbanizzazione distruttiva, regole e piani dirette a salvaguardare l’immenso patrimonio artistico e paesaggistico, ormai distrutto, e costruzione che prevedessero un minimo di sicurezza in casi di disastri naturali.  I donatori internazionali finanziano da oltre 50 anni quasi il 40% del budget statale, l’UNESCO ha investito milion di euro e ha dichiarato sulla carta Kathmandu patrimonio dell’umanità. Tutti avrebbero avuto il potere d’imporre alcune cose semplici: chiudere al traffico il centro storico, ricostruire le case antiche (magari con finanziamenti agevolati) compatibili con la sicurezza e l’ambiente; favorire i restauri; obbligare a un piano regolatore, finaniare costruzioni antisismiche. Ciò avrebbe non solo garantito sicurezza agli abitanti ma anche salvaguardato il reddito calante del turismo.

Kathmandu e gran parte del Nepal è zona altamente sismica, l’Himalaya continua a schiacciarsi sul plateau tibetano e infatti cresce di qualche centimetro all’anno, provocando continui sommovimenti della crosta terreste che, con frequenza, si trasformano in terremoti più o meno intensi.

aggiornamento: il terremoto (6.8 scala Ritcher) ha provocato 11 vittime in Nepal, in massima parte concentrate nella parte orientale dove si rileva che è stato la scossa più forte negli ultimi 78 anni. Nel Distretto di Ilam oltre 1000 costruzioni sono state distrutte e in altri distretti orientali si registrano crolli di scuole e di case che hanno coinvolto duemila persone. 

Annunci

2 risposte a “Che botta, scossa di terremoto in Nepal

  1. Io bene anche perchè ero in Tanzania. Comunque, tanta paura, pensando a ciò che potrebbe accadere in una città dissestata come Kathmandu

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...