Nepal: la Cina s’allontana

Era tutto pronto per la storica visita di Wen Jiabao (primo ministro cinese) in Nepal, ieri cancellata da Pechino (forse ri-programmata per l’inizio di gennaio). Sarebbe stata una delle rare escursioni del leader cinese e un importante riconoscimento per il governo nepalese che aveva già pronta una bella serie di richieste: US$ 5 miliardi di prestiti per infrastrutture, richieste per l’accesso duty free di prodotti nepalesi al mercato cinese, investimenti per Lumbini, la Ring Road di Kathmandu e un nuovo aeroporto a Pokhara. Richieste sufficienti a desistere dalla visita.

Da Pechino dicono che importanti meeting finanziari impediscono il viaggio, fonti non ufficiali riferiscono che la visita non era fra le priorità cinese e i rischi di tensioni (e ripercussioni internazionali) con la numerosa comunità tibetana di Kathmandu (e i monaci suicidi in Tibet) abbiano consigliato un rinvio. Infine l’annuncio della visita era stata dato, in modo unilaterale dal governo nepalese, fatto che aveva indispettito la Cina.

Il Nepal, nell’ottica cinese, non è priorità. Da sempre, è considerato nell’orbita indiana e le iniziative prese nei decenni passati (costruzioni di strade, vendita di armamenti, finanziamenti) avevano lo scopo di premere e dar fastidio a Delhi. Negli ultimissimi anni sono aumentati gli investimenti privati cinesi in Nepal e il flusso di turisti, ma l’unica vera attenzione è rivolta ai profughi tibetani (oltre 20.000 concentrati a Bodhnath) e ai problemi internazionali e locali che le loro proteste provocano.

L’opposto è per il fragile governo di Bhattarai che, con la visita, avrebbe ricevuto un importante riconoscimento politico e, probabilmente, un po’ di soldi da spendere nell’economia esangue del paese (la rupia ha raggiunto il minimo storico nei confronti del dollaro e perfino dello sfigato euro). Anche per il Primo Ministro Bhattarai personalmente l’incontro con il leader cinese poteva portarlo a una riconferma nel prossimo governo di unità nazionale che si sta preparando con i due maggiori partiti d’opposizione (Congresso e UML).

Strategicamente per i nepalesi, intensificare i rapporti con la Cina riporta ai secoli passati, quando il Nepal prosperava grazie alla sua posizione strategica e ai balzelli sui commerci fra Cina ed India. Infatti, dopo aver stipulato nelle scorse settimane due accordi con l’India Bilateral Investment Promotion and Protection Agreement (BIPPA) e Double Taxation Avoidance Agreements (DTAA), il governo nepalese spera di coinvolgere la Cina nello sviluppo di una serie d’infrastrutture dirette a muovere merci da nord a sud. Già si stanno costruendo da occidente ad oriente diverse strade verso l’Himalaya: Simikot-Hilsa, a Lamagar e la Mid-Hill Highway. Si chiede ai cinesi di finanziare dei porti franchi ai confini settentrionali a Yari-Pulam, Rasuwa-Jilong, Kodari (Tatopani)-Zangmu(Khasha) e Olangchug Gola-Riwu e di costruire (se ne parla da anni) una ferrovia lungo la Kodari Road.

Purtroppo, però, i 65 miliardi di dollari (dai 3 del 2000) d’interscambio fra Cina ed India passano da altre parti. Nel 2010 i due giganti asiatici si posero come obiettivo di raggiungere, entro 5 anni, un volume d’interscambio di 100 miliardi, rafforzando il ruolo della Cina come primo partner commerciale dell’India. Il Nepal a causa dell’instabilità politica e della ristrettezza del mercato è, apparso, fino ad ora marginalizzato dallo sviluppo enorme delle economie asiatiche. Le battaglie commerciali ( e le opportunità) fra i due giganti sono in Birmania, Indonesia e in Africa.

Annunci

3 risposte a “Nepal: la Cina s’allontana

  1. vedo con piacere che hai ripreso a scrivere con regolarità: il tuo blog è un esempio di giornalismo di alto livello.

    mi è piaciuta molto anche la descrizione del processo di integrazione “borghese” degli ex- rivoluzionari.

    ti leggo con passione, cercando di rivivere il mese passato tre anni fa attorno a Kathmandù, dove spero sempre di poter tornare.

    e penso anche a Yudopo, il guerrigliero ragazzino che avevo conosciuto allora: chissà che fine ha fatto, non sembrava fatto per entrare nei circoli del potere, lui.

    http://bertolauro.blogs.it/2007/08/20/una_delle_giornate_piua_incomprensibili_~2838907/

    http://bertolauro.blogs.it/2007/08/21/bakhtapur~2844581/

    ecc. ecc.

  2. Sei molto incoraggiante e ti ringrazio. Il Nepal e’ sempre li e merita una visita. Anche per vedere che fine hanno fatto i vecchi amici.

  3. Oggi la visita c’è stata, solo cinque ore una sosta del viaggio del leader cinese vesro Doha. Ieri sono stati arrestati 112 tibetani fuggiti dal Tibet. L’incontro sembra aver riconfermato l’aumento degli aiuti cinesi al Nepal nel campo delle infrastrutture, strade e ristrutturazione arereoporo. Si è ripralato d’estendere la ferrovia d Lhasa a Kathmandu, d’investimenti per Lumbini.
    Concretamente, si pensa, che aumenterenno gli aiuti di almeno un terso nel corso dell’anno e che si favorirà il commercio fra i due paesi (porti franchi ai confini). Un buon risultato per il governo nepalese e un ulteriore spinta alla penetrazione economica cinese in Nepal. Ai cinesi costa relativamente poco ed è positiva per il controllo dei tibetani in esilio e per avere basi per commerciare con l’India.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...