Pizza indiana a Kathmandu

A Kathmandu si mangia discretamente bene, ci sono tanti piccoli ristorantini, quelli degli hotels dove si può mangiare una versione ricercata della cucina Nepalese o newari, qualche indiano vegetariano e non, un pò di cinesi. Funzionano anche le grandi catene come l’ottima Roadhouse Cafè, hanno chiuso la Kentucky Fried Chicken (KFC) e Pizza Hut. Avevano resistito alle richieste di donazioni dei maoisti ma non hanno retto alle attuali richieste salariali degli impiegati e alla concorrenza. Ha, invece, appena aperto un ristorante della catena Little Italy, a Durbar Marg. Malgrado il nome è una catena indiana che smercia pizza, fusilli, spaghetti e vino. Farà concorrenza ai piccoli ristoranti gestiti da italiani come il Fire and Ice o quelli aperti (decenni orsono) da italiani che hanno dovuto lasciare il paese come la Dolce Vita.

Little Italy è diventata una potenza nella distribuzione della cucina italiana in India (è presente in 20 città) e a Dubai e sta pianificando di espandersi in altri paesi dell’Asia. Fa solo cibo vegetariano, usa materiale riciclato ed è sempre presente nelle campagne dirette a preservare l’ambiente. Con qualche decina di migliaia di euro si può aprire un loro franchising. In Nepal è arrivata con un investimento di circa euro 400.000 sostenuto da due società finanziatrici Murarka Group and SHTC International anche loro d’origine indiana. Dovrebbe dare lavoro a circa 40 persone.

Assaggeremo gli spaghetti e la pizza, ma questa storia induce ad altre riflessioni sulla capacità del sistema Italia di muoversi nei paesi emergenti. Pizza, caffè, vino sono venduti da tutti, in Cina e in India, meno che dagli italiani. Le quote di penetrazione in questi mercati sono minime, nessun gruppo organizzato è presente. Quando in Italia si discuteva di mettere i dazi alle merci cinesi, i pizzaioli indiani di Little Italy, da Pune, iniziavano a costruirsi un impero alimentare. I tedeschi avevano voli costanti su Pechino, mentre l’Alitalia era affossata dalla corruzione, la BMW e l’Audi iniziavano a porre le basi per esportare in questi paesi, mentre la FIAT socializzava le perdite e privatizzava gli utili. Gli svedesi mettevano le catene di pizzerie, i francesi di caffè e di vino. Solo dopo la crisi economica che ha segato i consumi domestici qualcosa si è mosso e le aziende italiane (con poco aiuto dallo stato) hanno cercato di salvarsi con l’export ma la penetrazione sui mercati permane sempre bassa.

I dati indicano che dal 2003 le nostre esportazioni verso le aree extra UE sono raddoppiate, ciò significa che prima eravamo fermi (da euro 8.000 mio nel 2003 a oltre euro 16.000 mio nel maggio 2012). “Sulla base dei dati del Ministero del Commercio indiano, l’UE si e’ confermata, anche per il periodo aprile 2011 – gennaio 2012, il primo partner commerciale dell’India. Tuttavia la Cina ha ormai superato l’UE quale primo paese fornitore del sub-continente indiano, con una quota del 12,04% (14,46% se si considera anche Hong Kong) sul totale delle importazioni indiane (contro l’11,9% della quota UE). Primo fornitore fra i paesi UE e’ la Germania, con una quota del 3,22%. L’Italia, quarta tra i Paesi UE (dopo Germania, Belgio e Gran Bretagna), e’ al 24˚posto nella classifica complessiva, con una quota dell’1,13% sul totale delle importazioni indiane” Questo scrivono i rapporti tenendo conto che l’Italia ha aumentato solo nell’ultimo biennio le sue esportazioni con tassi di crescita del 20%. In Cina il vino francese vende per USD 751 mio, l’Italia per USD 94 mio (meno del Cile e dell’Australia), pensare che nel 2005 vendevamo meno di USD 4 mio.

La pizzeria di Kathmandu indica che l’Italia è poco competitiva come segnala il Growth Competitiveness Index, l’Italia si trova dopo la Polonia, la Tunisia, la Thailandia il Cile e la Malesia,nella più bassa posizione fra i paesi occidentali. Un’altra responsabilità per la classe dirigente di quel paese.

Articoli correlati:

 Italia: inizio di una rivoluzione?
Sistemi che scricchiolano
Democrazy
Re D’Asia
genova: vassalli, valvassori, famigli
Annunci

3 risposte a “Pizza indiana a Kathmandu

  1. Mi è capitato di parlare con un ragazzo che lavora alla Dolce vita qualche settimana fa. I prezzi al pubblico sono alti e il salario dei dipendenti è basso, circa 4000 rupie per il doppio turno. Generalmente 4000 rupie non sono male…..considerando altri standard….ma è anche vero che una stanza centrale a meno di 2000 è difficile da trovare.
    Little Italy non mi ha mai fatto una buona impressione….
    Fire and ice è frequentato da una certa Kathmandu bene che personalmente non sopporto, vedasi il figlio dell’ex re.
    Da poco ha aperto un posticino piccolo ma discreto “Alchemy”, ma è sempre nel delirio di Thamel.
    Il cibo italiano sincero a Kathmandu è quello cucinato dai bravi e volenterosi nepalesi che sono stati all’estero, in italia o altrove, e hanno imparato sul posto con umiltà e pazienza.
    Ho pangiato solo in Toscana delle pappardelle fatte in casa come quelle del Cozy caffè, un posto semplice…per non dire semplicissimo.
    È sicuramente da apprezzare il tentativo nepalese così come quello indiano, almeno gli indiani investono veramente..

  2. E’ di oggi la notizia che, probabilmente, la Devyani International Nepal, che è franchisee di KFC, Pizza Hut e Cream Bell riaprirà i ristoranti, incontrando parzialmente, le richieste dei 180 lavoratori.

  3. Stanchi di vedersi passare sotto il naso i campion indiani del Kentuky Fried Chicken per i negozi di Kathmandu, gli allevatori di Dharke (distretto di Dhading) hanno bloccato i camoin e svuotati dai polli. Si lamentano che i loro non sono comprati dalla catena di fast-food perchè considerati poco igienici e magri.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...