Terre perdute

Il Land grabbing (requisizione\acquisizione di terra) con relativo allontanamento dei contadini è diventato un elemento aggiuntivo nel già vasto panorama dei diritti perduti per i poveracci. Dal 2000 sono finiti a multinazionali dell’alimentare, minerarie, forestali tanta terra quanta la metà dell’Europa occidentale. Per seguire questo fenomeno, spesso di rapina, è nato un osservatorio che registra tutti questi movimenti.

I paesi in cui più s’è concentrata l’acquisto o espropriazione di terreni sono quelli africani e quelli più sfigati come il Congo, il Sudan, l’Etiopia, il Mozambico. In Asia abbiamo seguito le vicende dell’India e dei maoisti indiani che vivono grazie all’opposizione alle espropriazioni delle multinazionali minerarie. I grandi compratori, però, sono proprio gli ex-poveri come, appunto, le multinazionali e il governo indiano, i cinesi , gli indonesiani. Alla ricerca di terreni per coltivare prodotti alimentario anche gli Emirati Arabi che fanno circolare un po’ di soldi petroliferi.

La terra s’acquisisce con la corruzione, facendo partecipi i governanti locali nello sfruttamento delle risorse, ottenendo concessione decennali. Lo scopo è, oltre che sfruttare le risorse naturali (legno, prodotti minerari o preziosi) quello di assicurarsi spazio per i business del futuro che saranno la produzione di alimenti e, con la palla ecologista, di biofuel (a seguito della decisione del’UE del 2008 di coprire il 10% del fabbisogno energetico con prodotti bio).

E’ infatti clamoroso che proprio l’ecologia sia una delle ragioni per sbattere fuori dal loro habitat i contadini, come è successo nella Polocich Valley in Guatemala dove oltre 3000 persone hanno visto perdere terra, acqua e lavoro. Lì sono arrivati con gli elicotteri e i militari. Storia simile a Kisaeawe, in Tanzania. A Gambella (Etiopia), uno dei posti più sfigati del pianeta, lo sceicco Mohamed Hussein Ali (magnate degli Emirati), miliardario e finanziatore della Fondazione benefica Clinton s’è impippato 10.000 ettari di terreno, scacciato i contadini, piazzato guardie armate per coltivarci mais e girasoli. Abbiamo già scritto della Cambogia dove la terra e le case sono state sequestrate anche nella capitale per proseguire la speculazione edilizia.

Presa la terra, ai grandi coltivatori serve l’acqua e tanta per le  colture intensive ed ecco  il water grabbing, cioè l’espropriazione e il consumo delle risorse idriche, spesso comunitarie. Diritti di proprietà, consuetudini all’uso, documenti catastali sono, in questi paesi, spesso inesistenti. Si è mossa anche, 2010, l’ African Commission on Human and Peoples’ Rights, che considerando il caso della popolazione Endoroi ( Kenya) , ha proclamato di istituzionalizzare e proteggere il diritto tradizionale al possesso della terra. Si è mosso anche UN’s Food and Agriculture Organisation che ha lanciato una mobilitazione internazionale per “sviluppare linee guida per una gestione responsabile della terra e delle risorse naturali”. Chiaramente è restato tutto sulla carta e i contadini senza terra (in costante crescita) ringraziano i ben pasciuti burocrati internazionali.

Articoli correlati:

Nepal e la crisi: squatters, droga e migranti
Corrono le Borse, si ferma la Cambogia (e altri)
Cambogia: come far sparire un lago (e un po’ di diritti)
Cambogia: arrivano le feste
Cambogia: sotto i grattacieli
Italia vs. India
Annunci

2 risposte a “Terre perdute

  1. In Cambogia oltre 75.000 ettari sono stati sequestrati, i campi e le case bruciate nelle province di Koh Kong, Kampong Speu, Oddar Meanchey e Svay Rieng per affidarle ai grandi coltivatori di zucchero, fra cui la Tate and Lyle Sugar.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...