Una bella giornata a Kathmandu

Dopo qualche giorno di pioggia che si spera segni la fine delle perturbazioni invernali (le cd. Western disturbances), Kathmandu è splendente. Aria pulita (nei limiti), cielo terso, distanti le montagne innevate. Ha nevicato molto, quest’anno, sulle montagne anche a quote basse.

Col caldo e con il sole, tutti fuori a fare i lavori che non sembrano mai scomparire, malgrado strade nuove e tanti supermercati con prodotti cinesi e occidentali. Ecco fra le macerie di una casa il lustrascarpe ciabattino, con qualche antico attrezzo da museo, i ragazzini che vendono cipolle e carote poggiati sulla cesta (doko) con cui hanno portato la mercanzia da qualche villaggio ai margini della Valle; il vecchietto che sbarca il lunario vendendo noccioline. Lungo il Bagmati, sempre più asciutto e sporco, i cercatori di spazzatura che raccolgono ferro e plastica per rivenderla.

Più colorata del solito la Piazza e i tanti bahal (parrocchiequartieri) che la circondano. Nei tol (piazzette) la gente è fuori a far asciugare vestiti umidi, a pettinarsi, a spargere i bambini con olio di cocco. I turisti occidentali, dopo quattro anni di crescita (gli italiani avevano raggiunto il record di 17.000 visitatori nel 2012), sono calati in questi primi mesi dl 30%. Chi vendeva statuette, maglioni, pashmine, a turisti e commercianti è disperato, non vende e i passati compratori non pagano. In una bella giornata, anche questi problemi sembrano allontanarsi fra le chiacchiere e un bicchiere di tè, portato da uno dei tanti ragazzini che guadagna qualche rupia facendo il garzone dei tantissimi tea-shop che, in enormi pentoloni, bollono tea e latte, a volte con ginger per l decine di tazze giornaliere.

In queste giornate splendide (come accade più spesso in autunno), anche la povertà, i quartieri squassati dalle nuove costruzioni, la spazzatura buttata nel fiume sembrano quasi scomparire, assorbita nell’ambiente che, malgrado tutto, è sempre affascinante, colorato, vivo. La gente, che si riscalda al sole con sciarpe e maglioni informi, è dignitosa, simpatica, sorridente; non opaca, stanca, grigia, arrabbiata come nelle periferie dell’occidente.

Pochi giorni dopo, la serenità del clima e del dopo pioggia già muta ascoltando gli slogan incazzati dei militanti dei partiti dell’opposizione, riuniti per un “mass meeting” sul piazzale, dall’erba consumata, di Kula Manch, per chiedere, come da mesi, le dimissioni del primo ministro Bhattarai, che non ci sente. I maoisti, nel loro congresso di Hetauda (triste città nel Terai) hanno tirato fuori la nuova linea “capitalismo rivoluzionario”, cioè basta parlare di dittatura del proletariato; rieletto Prachanda come leader, proposto il tecnico Khirlaj Regmi (Chief Justice) come premier per portare il paese alle elezioni, e riammesso nel Comitato Centrale, Kali Bahadur Kham, accusato di contrabbando di Yarsagumba e di coinvolgimento nell’omicidio di un uomo d’affari.

Alla gente sparsa al sole nelle strade di Kathmandu preme più iniziare a pensare alle prossime feste: per i tibetani il Losar (triste per i 90 suicidi nell’altipiano) e per gli hindu, il grande sballo dello Shivaratri. Intanto Gianni gira per Kathmandu fra lavoro e cazzeggio a fare queste foto.

Articoli correlati: Documentari e storie dal Nepal e dal Mozambico; La Notte di Shiva, fiumi di fumo a Pashupatinath; Pashupatinath, Il quinto Dham e i suoi tesori; Il Losar, capodanno dei popoli tibetani; Schiaffi ai politici; Megalopoli; Borghesi in Nepal; Kathmandu: smart city; Nepal: la fine di una rivoluzione

Annunci

6 risposte a “Una bella giornata a Kathmandu

  1. Caro , grazie per questo tuffo nello splendido Nepal. Proprio oggi, mentre aspetto l’arrivo di una coppia di amici nepalesi in italia. Gli parlerò di quel nuovo sole e di quella luce nei sorrisi che loro conoscono bene.
    Ancora Prachanda? Oh ….basta! Non se ne può piú.

  2. Grazie per gli articoli e le belle foto,
    spero un giorno di incontrarti a Kathmandu!
    Un saluto dalla toscana
    Ennio

  3. fantastico!!!e’ come immagino quotidianamente kathmandu!!!buona domenica enrico,saluta gianni e ringrazialo per le magnifiche foto.

  4. Grazie Enrico, i tuoi articoli sono sempre belli e interessanti. Questo in particolare mi riporta all’ adorata e odiata Kathmandu che ormai da 4 anni mi ha rapito il cuore. Mi piacerebbe incontrarti e fare 2/300 chiacchere con te. Ci sei a marzo??

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...