Il compleanno del Dio dell’Amore: Krishna Janmashtami

Un pò in ritardo, quest’anno , alla prima luna piena di settembre, , ecco la festa per il compleanno del Dio dell’Amore, Krishna, pastorello, play boy, guerriero ed emanazione di Vishnu. Una delle divinità più amate nel sub-continente indiano e anche all’estero. Ci ricordiamo gli Hari Krishna, vestiti d’arancione, danzanti, con cimbali e tamburini, in estasi, per le strade di mezzo mondo. Adesso un po’ fuori moda.

Ma, qui, a Kathmandu è una festa sentita specie dalle donne che affollano il magnifico shikkara in pietra di Patan e portano offerte per propiziare figli e matrimoni. Per questo tante sono le giovani, carine, che fanno la coda dalla mattina. Sulle pietre (restaurate) del tempio tutta la storia del Ramayama. Un sovrano (Malla Siddhi Narasigh, siamo nel 1637) sognò che, proprio lì dove fece costruito il Mandir, Krishna e la sua consorte, la splendida Radha, erano impegnati in un gioco d’amore.

Dovremmo essere nel pieno del monsone che non è, quest’anno, decollato. Problemi s’aspettano per i raccolti (sicuramente deficitari) e il conseguente aumento dei prezzi dei generi alimentari; l’energia (anche in questa stagione 5 ore giornaliere di black out; l’acqua potabile (casi di colera e difterite nei distretti e anche a Kathamndu). Le feste, quest’anno, non sono state sufficienti a propiziare i Naga e gli dei che controllano le acque. Il monsone ha portato circa il 15% di pioggia in meno e non è stato regolare.

La Piazza del Durbar è sofferente dopo il terremoto ma è  stata riempita di festoni colorati. Le pietre del tempio sono aiutate da piloni di legno per stare dritte. Ma non importa, anzi sembra essere una ragione in più per salutare e propiziare gli dei del Quotidiano. I Mandir (templi) di Krishna sono regolarmente pieni di devoti con le loro offerte propiziatorie. Oggi pero` e` un giorno speciale. I bahal ( cortili adiacenti) rimbombano di cembali e tablas. I responsabili che sovrintendono alle cerimonie hanno adesso il momento di gloria che preparano per un anno.

A Lalipur ( Citta della Bellezza come I suoi abitanti chiamano non a torto Patan), lo spettacolo e` , come sempre, magnifico, toccante, da groppo alla gola. File lunghissime di devoti, spesso, sotto la pioggia monsonica, in attesa di entrare nel Krishna Mandir piu` importante e ricco della Valle per omaggiare il Dio dell`Amore. Cosi e` conosciuto Krishna, immortalato nell`iconografia come putto malizioso o giovinetto con flauto . Attorniato per lo piu` da giovinette in atteggiamenti se non licenziosi almeno complici e ammiccanti. Si forma nella Piazza un capannello, sono in massima parte donne che danzano e cantano le lodi al Signore dell`Amore. Lodi che sono spesso dei dorji (legami). E in effetti legami sono questi stornelli botta e risposta farciti di doppi sensi mai offensivi o volgari, che ovviamente mascherano complicita`e segreto negli sguardi dei piu` giovani. I più matuti, hanno gia` avuto, ora sorridono e ammiccano ai momenti piu` esileranti e ambigui. E` l`eterno gioco dell`Amore nel corteggiamento.

L`Induismo nepalese non è bigotto e, poi, nelle feste e i muri di abitudini e cultura tra uomini e donne diventano se non totalmente insormontabili sono, almeno, piu` facilmente aggirabili. Certo, Krishna e` Dio dell`Amore Cosmico e per questo molti sono i proseliti anche nel Mondo Occidentale. Basta ricordare le comunita` hippies d`antan, le varie sette a carattere indianeggiante , la stessa musica utilizzata dai mostri sacri del rock. Siamo negli anni ’60 e ’70, atmosfere in parte perdute, create dalla melodia dei sitar, dal fascino della meditazione e dei Guru, rafforzate da qualche canna. Ma oggi, qui nella Piazza si vive il presente come negli altri piccoli templi meno famosi, gremiti di folla, sparsi nella Valle.

Annunci

4 risposte a “Il compleanno del Dio dell’Amore: Krishna Janmashtami

  1. beata te sonia! io per quest’anno ho finito tutto ma per il prossimo se i miei compagni di viaggio saranno d’accordo…namaste’.

  2. Due to the Bhanda (Strike with no free of movement) in the South of NepalA total of 83 vehicles carrying fuel were escorted to Kathmandu on Saturday night and Sunday morning amid the indefinite banda called by the United Madhesi Front in the Tarai, police said.
    Police said that 11 petrol-filled trucks were guided to Kathmandu on the days under tight security, 46 LPG cylinder gas-filled truck, 12 diesel-filled truck, two kerosene-filled trucks and 12 aviation fuel-filled trucks. Likewise, a total of 159 vehicles heading towards the Eastern and Western districts, which were stranded midway due to the agitation, were sent

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...