Si complica la vita del Buddha Boy

Tempo fà, avevamo scritto un post sul Buddha Boy, il ragazzo Tamang,  Ram Bahadur Bamjan. Eravamo stati a vedere l’evento e qualche perplessità era nata. Oggi la situazione s’è ulteriormente incasinata.

 “Hetauda è una città che ricorda l’India, case e bazar allungate lungo la strada e da qui inizia il “corridoio industriale” che finisce a Birgunj e poi in India. Piccole aziende tessili e chimiche che fabbricano merci su licenza internazionali esportate in India grazie al vantaggio competitivo derivante dall’ assoluta libertà degli imprenditori. Il gran botto ha avuto anche qui conseguenze: crisi produttive, vertenze sindacali, scontri fra lavoratori e polizia (con qualche morto). Un tempo qui era tutta giungla malarica, bonificata negli anni ’60 e abitata, originariamente, dai Tharu (considerabili tribali) e, nei secolli, da migranti indiani (gli odierni Madhesi) e dai poveri delle colline (Tamang, Magar e impoveriti Bhaun e Chetri). La giungla ancora resiste, assalita dall’uomo, ai margini della strada e lì c’infilammo per una stradina che portava al luogo dove meditava il Buddha ragazzo.

Ci accolse una specie di parcheggio assediato da bancarelle in legno che vendevano tè e dal baat, per i molti pellegrini che venivano anche dall’India. Più avanti altre bancarelle gestite da un gruppo di Tamang della Om Namobuddha Protection Commitee, con videocassette ed altri souvernirs. Eravamo un po’ perplessi quando c’avvicinammo al recinto che circondava l’immensi pipal sotto cui era seduto, nel mudra della meditazione il ragazzo. Sugli alberi le colorate bandiere della preghiera. Un monaco e un ragazzino (compagno di giochi del neo-Buddha) ci raccontarono la sua storia che non differiva di molto da quella di tanti ragazzini Tamang.

Raccogliemmo tutte le informazioni, guardammo a lungo il ragazzo, fummo infastiditi dal micro-business che stava nascendo e non giungemmo a nessuna conclusione. Il ragazzo stava immobile per delle ore, al freddo, con bestie che s’aggiravano sul corpo (forse mangiava la notte) ma era comunque un fatto strano, misterioso da inserire fra i molti che segnano l’Asia Nei mesi seguenti il ragazzo scomparve, giustamente, infastidito dalla bolgia; i suoi seguaci del Comitato furono accusati di intascarsi soldi e vendere miracoli; il ragazzo dichiarò che lui non era un buddha, ma più modestamente un boddhisatva (coloro che rinunciano al Nirvana per contribuire alla liberazione degli altri)”.

Un pò di tempo è passato e il gruppo di Tamang che circondano il ragazzo si è organizzato nel  Bodhi Shrawan Dharma Sangh. La famiglia di Ram Bahadur Bamjan è stata esclusa e quando, in questi giorni, ha cercato di parlare con il Buddha Boy ( in meditazione nella foresta di Halkhoriya) delle malefatte dei suoi seguaci è stata respinta a calci nel sedere. Ora c’è la polizia che indaga a seguito di una denuncia di una ragazza slovacca che ha dichiarato di essere stata rapita e violentata dai seguaci del ragazzo. Un’altra donna  nepalese sembra ancora sequestrata nell’Asrham gestito dai suoi adepti.

Annunci

5 risposte a “Si complica la vita del Buddha Boy

  1. leggo regolarmente i tuoi post, all’inizio per amore del Nepal, ma da tempo per il vivo interesse di tutto quello che scrivi: secondo me sei un grande e vero giornalista, Enrico: non sono nessuno di particolare per dirlo, ma ad un giornalista vero credo interessino i giudizi dei lettori comuni come me.

    un saluto.

  2. Premetto che Bortocal non e’ mio parente, non riceve mazzette da me, non lo ho obbligato con la forza a scrivere questo commento.
    Per cui lo ringrazio e, come gia’ scritto, e’ un ulteriore ragione per continuare a scrivere sul blog, sforzandosi di scrivere cose serie e documentate.

  3. mi associo al commento del tuo “parente” bortocal! ah!ah!ah! grande enrico continua cosi! namaste’ luca.

  4. Il Primo Ministro Baburam Bhattarai s’è armato, con altri suoi colleghi di governo, alti funzionari e centinaia di volontari, di una scopetta di canne e ha iniziato a pulire le strade intorno al palazzone dell’ Assemblea Costituente a Naya Baneshwor.
    E’ l’inizio della campagna (National Volunteer Campaign) lanciata dal governo per mobilitare i giovani per aiutare lo sviluppo nel paese, costruendo scuole, aiutando i contadini e, appunto, pulendo Kathmandu.
    Per adesso funziona.

  5. Battaglia ieri a Bara fra i membri dell’organizzazione che controlla il Buddha Boy, pilizia e abitanti. Circa 200 seguaci del ragazzo hanno bloccato la strada per richiedere un nuovo certificato di nascita del Buddha Boy che attestasse l’appartenenza alla loro organizzazione (Bodhi Shrawan Dharma Sangha). Dopo unj pò gli abitanti li hanno iniziati a prendere a bastonate, aiutati dalla polizia. La famiglia s’oppone a questa nuova mossa destinata ad assicurarsi i redditi del ragazzo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...