Nepal: auto, moto, ricostruzione. Tutto fermo

kathmandu bloccata

Chi può si è comprato una bicicletta, macchine e moto che normalmente intasano Kathmandu son quasi sparite. Sui bus che dovrebbero portare la gente ai villaggi per il Dashain (il Natale nepalese)la gente s’appila sui tetti come 40 anni fa. La spazzatura rimane per le strade e si rischia di non vedere più neanche le cisterne con l’acqua da bere. I prezzi, di norma aumentati durante le feste, sono per alcuni prodotti triplicati. La benzina che arriva a singhiozzo dalla piana del Terai sparisce in un batter d’occhio (5 litri a testa) per chi regge alle file chilometriche ai distributori. Parte finisce al sempre presente mercato nero che la rivende a nrs. 700-800 al litro 5/6 volte il prezzo normale. Lo stesso avviene per le essenziali bombole del gas per cucinare.

Ancora una volta, come ogni tanto accade, i Nepal si è fermato. Nel Terai continuano i sit-in dei madheshi che bloccano le frontiere. Si era parlato di far scortare i convogli dal’esercito come accadde durante la guerriglia maoista. Ma se allora ‘erano giustificazioni (il “terrorismo”) se scappava il morto, oggi sarebbe un casino nazionale e internazionale. Laggiù i confini troviamo, come spesso accade di tutto, gente che protesta senza sapere il perché, delinquenti organizzati, militanti e funzionari dei partiti del luogo; ma anche tanta gente comune che sente, ancora una volta di essere dimenticata dalla capitale. Lo stesso potrebbe dirsi per i Tamang, i Limbu e le tante etnie povere del  Nepal. Ma nel Terai sono tanti e forti i partiti locali, che hanno (nascosto) l’appoggio di parte dei politici e della burocrazia della confinante India.

Anche il dialogo, richiesto dal governo è fermo, si vuole tirare al massimo per arrivare forti al confronto. Pensavo, con un po’ di ottimismo, che la situazione si risolvesse prima, per stanchezza dei protestatari e iniziative del governo. Invece Kathmandu e gran parte del Nepal, dopo 50 giorni di blocco, è stremata.

Certo la gente, abituata ai problemi, si organizza: si parla di futura città ciclabile, di veicolo elettrici, di metropolitana, e non si perde, comunque, la voglia di festeggiare e cercare di fare acquisti e mangiate, seppur in un Dashain che sarà più spento. Anno durissimo per il Nepal dai terremoti alle tensioni per la nuova costituzione.

E anche per tutto ciò che concerne la ricostruzione del terremoto tutto è fermo, solo l’iniziativa privata (con tutti i rischi e le speculazioni che può comportare) o locale è partita. Nei villaggi, chi ha i soldi, inizia a ricostruire le case senza pensare alle normative antisismiche e i sentieri  per riaprire le vie dei trekking e le comunicazioni in montagna, i Comitati Scolastici (come sta facendo Takecare Nepal) chiedono aiuto per mettere a posto le scuole e togliere i bambini (sta venendo freddo) dalle classi temporanee di plastica e legno. A Kathmandu i tibetani (sempre ricchi) rimettono a posto i grandi stupa, i proprietari delle vecchie case dei centri storici le buttano giù per ricostruirle più alte e di cemento.

L’iniziativa privata si muove, manca quella pubblica sia a livello d’investimenti  (i  4 miliardi di USD dati dai donatori internazionali sono nelle cassaforti) sia, più grave, di progettazione.

Gli amici entrati (il 25 giugno) con entusiasmo nella Nepal Reconstruction Authority (alcuni bravi e motivati) sono sgomenti. Il governo e il parlamento non hanno mai ratificato formalmente la sua esistenza: di fatto non esiste. Il partito dell’attuale primo Ministro Oli (UML-ex comunisti) non ha mai voluto Govinda Raj Pokhrel (ex capo della Nepal Planning Commision) e considerato un ottimo tecnico capo della Reconstruction Authority. Primo perchè è stato nominato dai rivali del Congresso, secondo (e più importante) perché vogliono un politico (magari loro) a gestire i miliardi per la ricostruzione.

Intanto 2 milioni di sopravvissuti attendono aiuti in cash (promessi) per ricostruire le loro case, scuole, ponti e strade nei villaggi.

Il Department of Archeology , nei giorni post-terremoto pieno di giovani e entusiasti volontari che mettevano in slavo i pezzi dei templi e mappavano quelli rovinati, è fermo, senza soldi per ricostruire i 750 monumenti rovinati o distrutti (in tutte le aree terremotate).

50 anni venivano concessi i primi permessi di trekking per salire nei sentieri dell’Annapurna, i templi e le pagode dl Nepal si aprivano ai primi turisti occidentali. Non ci sono ancora dati ufficiali ma se non si agisce bene e presto ricostruendo gli historical sites e rilanciando l’immagine del paese, di turisti né arriveranno ben pochi.

Inoltre, la Valle di Kathmandu, già prima del terremoto, è stata minacciata dal World Heritage Commitee di essere cancellata dai siti Unesco se non venivano intraprese importanti misure per salvaguardare e proteggere i monumenti.
Articoli connessi: https://crespienrico.com/2015/06/27/tanti-soldi-promessi-speriamo-per-i-nepalesi/
 https://crespienrico.com/2015/05/28/nepal-earthquake-where-are-the-money/

Annunci

2 risposte a “Nepal: auto, moto, ricostruzione. Tutto fermo

  1. Qui e’ sempre peggio e non si sa quando la situazione potra’ migliorare. I Nepalesi, pero’, non si inquietano piu’ di tanto essendo cosi presi dai loro festival.Le frontiere sono sempre chiuse e i prezzi sempre piu’ alti.La vita, oramai, costa forse piu’ che in Italia. Pensa che anche il biglietto per la piazza e’ aumentato a 1000 rupie. Per vedere delle rovine, mi sembra un po’ troppo…Anche perche i soldi che sono arrivati per al ricostruzione sono davvero tanti. Comunque i turisti sono pochi ed e’ difficile che ne arriveranno a breve.

  2. Supporters of the agitating Samyukta Loktantrik Madhesi Morcha vandalised dozens of vehicles in various places on Monday. The SLMM has been staging demonstrations in various Tarai districts for the past 73 days. In several districts, they have enforced banda, blocking passenger vehicles from plying the streets and shuttering shops and other business

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...