Squatters d’Asia

Gianni è andato a vedere cosa succede a Teku, dopo l’abbattimento di qualche centinaia di baracche. Il posto è ancora più strano di prima, uno spiazzo sporco, qualche baracca residua e i vecchi templi dilapidati. Non si sa che fine hanno fatto le centinaia di famiglie rimosse, qualcuna avrà trovato casa per qualche mese con le Nrs. 15.000 (euro 140) date dal governo, altre saranno tornate ai villaggi, molte avranno trovato rifugio in altri slums della Valle.

Nessuno è stato re- insediato come promesso presso le gole di Chobar, aperte dalla spada del Boddhisattva Manjusri per far fluire le acque del lago che, un tempo, riempiva la Valle. Così di formò il sacro fiume Bagmati. Lì è stato costruito un cementificio, dismesso, che ha rovinato l’ambiente, poi ulteriormente distrutto dalla nuova urbanizzazione e l’idea di avere anche gli squatters ha già creato proteste fra gli abitanti.

Tutto rimarrà fermo come la situazione politica impanata in manifestazione di monarchici, maoisti, gruppi etnici; qualcuno a favore delle elezioni di novembre, altri contro, nuovi partiti pronti ad aumentare la frammentazione e l’ingovernabilità. Una noia che sta portando, definitivamente, il Nepal ad italianizzarsi.

Per rimanere sugli slums, sembra che l’ansia di repulisti sia comune in tutta l’Asia. Un amico mi scrive dal Bangladesh che anche a Dhaka si sta pianificando di ripianare una delle più grandi baraccopoli dell’Asia, quella di Korail, oltre 100.000 abitanti. I 170 acri di terra appartengono alla compagnia statale Bangladesh Telecommunications Company Limited (BTCL), il Public Works Department (PWD), e il Ministry of Information and Communication. Nel gennaio 2012 dopo la sentenza della Dhaka High Court sono arrivati i primi bulldozers. Anche qui promesse di re insediamento in zone migliori.

Articoli correlati:

Kathmandu: smart city
Da Mumbai, ancora su Slumdog e le famiglie
Che botta, scossa di terremoto in Nepal
Che mattone: storie dal Nepal
Annunci

3 risposte a “Squatters d’Asia

  1. Il governo sta cercando di reinsediare gli squatters vicino a dove erano prima nell’area di Thaphatali, Sundarighat dopo che le proteste degli abitanti avevano bloccato la sistemazione fuori da Kathmandu presso le Gole di Chobar.
    Ma anche qui i residenti stanno protestando con scontri con la polizia. L’area è stata da pochi anni destinata all’edilizia residenziale per la piccola borghesia nepalese, sono stati costruiti i primi palazzi d’appartamenti venduti a oltre euro 300 a mq, e la gente non vuole vedere le capanne di bambù (per 50 famiglie) che il governo sta realizzando per gli squatters.
    Nè si ha idea cosa accadrà dopo questa sistemazione provvisoria, si dice che avranno l’autorizzazione a costruire case in mattoni e ciò terrorizza gli abitanti e i commercianti.

  2. Ciao a tutte e tutti commentatori e followers del blog
    Mi trovo in Italia, ma cerco di seguire a distanza quello che succede in Nepal, mi sono chiesta in questi giorni : chissà come gli squatters hanno vissuto le lunghe feste del Dashain e del Tihar. Dopo le notizie sugli sgomberi di maggio la stampa online nepalese non ne parla più ….ci sono notizie sui reinsediamenti?Grazie!

  3. Ciao Licia
    gli squatters hanno acceso i loro lumini negli altri insediamenti lungo il Vishnumati e il Bagmati dove ancora resistono le baraccopoli. Molti sono tornati nei loro villaggi. Si sono dispersi, senza che il governo trovasse soluzioni sostenibili.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...